Dormire a new york: Row NYC hotel, il mio soggiorno a un passo da Times Square 7
Dormire a new york: Row NYC hotel, il mio soggiorno a un passo da Times Square
marzo 1, 2017
Shuba russa: la ricetta per un'insalata russa rivisitata! 7
Shuba russa: la ricetta per un’insalata russa rivisitata!
marzo 3, 2017

Oscar del cinema 2017: e se avesse vinto La La Land?

Ipotizziamo per un attimo che Warren Beatty e Faye Dunaway non abbiano aperto la busta sbagliata ed effettivamente il vincitore come Miglior Film agli Oscar 2017 sia stato La La Land.

Ipotizziamo quindi che nessuno dell’Academy avesse giocato questo brutto tiro al reale vincitore Moonlight. Per inciso, annunciare un vincitore – il favorito – dargli in mano la statuetta e poi sentir dire “scusate tutto sbagliato, il vincitore è un altro” e quell’altro sei tu, è uno dei miei sogni segreti!

Immaginando questa realtà parallela, agli Oscar 2017 avrebbe vinto un film – definiamolo – musicale. Di certo non un vero e proprio musical. Tanto per inquadrare bene il genere, cito l’ultimo film ad aver vinto l’ambita statuetta come Best Picture: Chicago, del 2002. Quello si che è un musical, un vero film di genere: canti-e-balli-a-più-non-posso!

Oscar del cinema 2017: e se avesse vinto La La Land? 1

Oscar del cinema 2017: e se avesse vinto La La Land?

In La La Land, a mio parere, la componente musicale si integra e supporta quella filmica ma senza prevaricare.

Canonicamente, la trama di un musical passa inequivocabilmente dal cantato: in pratica per capire gli eventi devi ascoltare i dialoghi cantati dagli attori. Questo porta ad un eccessivo sbilanciamento verso una rappresentazione musicata dei fatti. In questo turbinio di musiche, canti e balli, io dopo un po’ perdo il filo!

In La La Land, ed è questo che mi è piaciuto, la colonna sonora accompagna, enfatizza e rappresenta non tanto il plot quanto più l’emotività del film e dei personaggi.

Justin Hurwitz, compositore delle musiche del film, traduce in musica e non necessariamente nella forma di canzone, la solitudine dei due protagonisti, a tratti profonda ed a momenti più lieve, intenti in un cinico raggiungimento di obiettivi personali-barra-professionali.

Hurwitz supera i limiti del film di genere, disallineandosi dai tratti canonici dello stile musical e realizzando un progetto che aderisce totalmente alla vision del regista, Danielle Chazelle.

Oscar del cinema 2017: e se avesse vinto La La Land? 2

Oscar del cinema 2017: La La Land, non un vero e proprio musical

Rivisita e rivaluta infatti la cifra stilistica del musical, discostandosi tanto-quanto-basta: pezzi concertati ed ensemble corali, come in Another Day Of Sun riuscitissima apertura del lungometraggio, o i duetti hollywoodiani di A Lovely Night, raccolgono vecchie eredità con l’intento di rievocare lo stile ma senza renderlo dominante.

Hurwitz poi intinge il pennello, per non dire la bacchetta del direttore d’orchestra, in altri e differenti stili e generi di stessa epoca, come lo swing ed il jazz senza mai scimmiottarli.

In fondo è proprio il jazz, colonna portante dell’ossessione del protagonista Sebastian interpretato da Ryan Gosling, a regalare l’imprinting caratteriale ed emotiva a La La Land.

Herman’s Habits, inciso jazz anni ’50, esprime la forza estetica del jazz, la natura e le radici di Sebastian/Ryan; City Of Stars, nelle sue versioni Ryan Gosling da solo o con Emma Stone in duetto, impagina e scandisce le sequenze dedicate alla ricerca della realizzazione dei sogni.

Oscar del cinema 2017: e se avesse vinto La La Land?

Oscar del cinema 2017: La La Land, la colonna sonora

Justin Horwitz taglia e cuce un perfetto abito sartoriale, un gran bel vestito che ha portato ben due statuette, le più importanti in materia: miglior Colonna Sonora e miglior Canzone Originale.

Se avesse anche vinto come miglior film avrei comunque dormito sonni tranquilli, un po’ come tutti. Non mi sarebbe dispiaciuto ma, personalmente, non l’avrei scelto. Avrebbe dato l’impressione del “non c’è di meglio e a qualcuno questa statuetta dobbiamo pur darla”.

Si sarebbe semplicemente alimentata la lista del genere film musical (o anche canti-e-balli-a-più-non-posso), e forse il protagonista del drammatico Moonlight (di colore, gay e povero), quello si, se la sarebbe un po’ presa a male!

11 Comments

  1. Camilla ha detto:

    A me il film è piaciuto e mi piace la componente musicale e la trovo anche ben bilanciata!
    Però, credo non fosse adatto a vincere l’Oscar .

    XOXO

    Cami

    http://www.paillettesandchampagne.com

  2. sheila ha detto:

    ho letto molte recensioni pro e contro su questo La La Land. ora sono curiosa di vederlo
    dedicami qualche minuto, visita il mio blog
    A Trendy Experience!!!

  3. Myriam ha detto:

    Mi hai incuriosita! Non sono una grande amante dei musical, a parte un paio di cult proprio non mi piacciono. Penso che darò una possibilità a La La Land!

  4. Silvia ha detto:

    il film non l’ho ancora visto ma voglio vederlo, anche se non amo il musical come genere ma, del resto, mi dici che non lo è, quindi gli darò una chance!

  5. Rosaria ha detto:

    Io adoro i musical e credo che abbia meritato la vittoria

  6. Eleonora ha detto:

    mi hai incuriosita ora sono curiosa di vedere LA LA LAND

  7. Annie ha detto:

    Ancora non sono riuscita a vedere Lalaland !!

  8. Grazia ha detto:

    Non l’ho ancora visto ma credo che approfitterò una di queste sere!

    Bow of Moon

  9. Eli ha detto:

    Non l’ho ancora visto e non vedo l’ora di farlo. Sono curiosa di vedere come musica e trama si intrecciano e come gli attori protagonisti hanno saputo interpretare i loro ruoli. Io adoro sia Emma che Ryan.

  10. Fabrizia ha detto:

    Anche io devo ancora vedere questo film che ha fatto parlare tantissimo di sè!
    Fabrizia – Cosa Mi Metto???

  11. Veronica ha detto:

    Lo devo ancora vedere. Mi piacerebbe farmi un’idea mia di questo film 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *